ottobre 10, 2008

Un branco di manigoldi hanno messo in ginocchio il Mondo.

By admin
Topics:
Senza categoria

Hanno venduto cartastraccia garantendola come filigrana della pi pregiata. Dei mascalzoni, in combutta con insospettabili societ di certificazione dei bilanci che fornivano false attestazioni di parziale o totale affidabilit, hanno bidonato mezzo mondo, convincendo piccoli e grandi risprmiatori ed investitori, ad affidargli la gestione dei loro risparmi, spesso frutto del lavoro di una vita. La gente si fatta l’idea che il disastro sia stato causatao dal fallimento della banca d’affari americana Lehman Brothers.
Nella realt quella fu la prima esplosione di un complicatissimo e gigantesco imbroglio fatto di accordi , intrecci malavitosi e complicit nell’adescare ingenui grulli per svuotargli le tasche, diventato sistema . Siamo in prersenza della pi gigantesca associazione a delinquesre mai scoperta che supera ogni immaginazione.

Si perch questi delinquenti senza scrupoli, che hanno invaso il mercato mondiale con obbligazioni, azioni ed altri sofisticatissimi srumenti finaziari, facendo credere che rappresentassero un investimento garantito, hanno determinato losfascio che abbiamo sotto gli occhi.
Tra qualche mese e per qualche anno diminuiranno i consumi e di conseguenza caler la produzione . Si avranno conseguenze sull’occupazione perch falliranno molte aziende lasciando a casa centinaia di migliaia di persone.

Tutto questo per la corsa senza scrupoli verso il profitto anche se ottenuto attraverso l’inganno. Ci saranno meno soldi per i servizi tra i quali quello sanitario con gravi conseguenze per la salute. Si allargher a dismisura il numero delle persone al di sotto della soglia di povert . La nostra rischia di diventare la societ del malessere. Mafiosi e rapinatori e taglia gole , al cospetto dei responsabili di questo disastro, sono poveri agnellini . Nessuna condanna, se anche ce ne saranno, sar suffiecente per punirli del male che hanno fatto.

Cesare Corda

I fratelli Lehman si rivolteranno nella tomba nel vedere cosa era diventata la loro creatura

ECCO COME NACQUE

Tre tedeschi che commerciavano il cotone: queste le origini della banca daffari Lehman Brothers. A fondarla, nel 1850 a Montgomery, in Alabama, sono stati lallora 23enne Henry Lehman e i suoi fratelli, Emanuel e Mayer.
LA NASCITA. Il commercio del cotone ebbe un successo tale che Lehman Brothers contribu anche alla nascita della Borsa del cotone nel 1870. Circa un decennio dopo la societ entr nel grande business delle ferrovie lavorando soprattutto nel settore finanziario. Nel 1906 la societ si alle con Goldman Sachs e si avvi a diventare una grossa finanziaria. Lehman e Goldman portarono in Borsa General Cigar, Sears e Roebuck. Nei ventanni successivi contribuirono a varare oltre cento nuove emissioni azionarie.
LA GRANDE CRISI. Nel 1925 la societ affront la Grande Depressione guidata Robert Bobbie Lehman, nipote dei fondatori. Il Gruppo riusc a passare indenne la grande crisi focalizzando la sua azione sul venture capital e nel 1928 la societ entr nella sua sede storica di One William Street.
Subito prima della crisi, nel 1924, John M. Hancock diventato il primo membro del cda della Banca esterno alla famiglia Lehman. Nel 1927 tocc a Monroe C. Gutman e a Paul Mazur. Nel 1930 Lehman guid il debutto in borsa della Dumont, il primo produttore di televisori e aiut finanziariamente Radio Corporation of America. Nel 1950 il gruppo guid il debutto in borsa di Digital Equipment Corporation e pi tardi lacquisizione di Digital da parte di Compaq. Lultimo membro della famiglia a guidare la societ, Robert Lehman jr, mor nel 1969. Con la sua scomparsa si apr un vuoto di potere nella compagnia che coincise con una difficile fase economica, per cui venne chiamato lad Pete Peterson, proveniente dalla Bell&Howell, che riusci a raddrizzare le sorti della societ.
VERSO UNA GRANDE BANCA DAFFARI. Peterson riusc a riportare in pareggio i bilanci della compagnia e poi a conseguire cinque anni consecutivi di profitti record, trasformandola in una grande banca daffari. Negli anni 80 gli scontri tra i banchieri di investimento dellistituto e i traders, i quali garantivano il grosso dei profitti di Lehman, costrinsero Peterson a promuovere co-amministratore delegato Lewis Gluckman. Tra i due non mancarono forti tensioni che portarono al siluramento di Peterson e allascesa di Gluckman come amministratore unico.
LA FUSIONE. Nel 1984 la societ, in forti difficolt, dovette fondersi con American Express trasformandosi nella Shearson Lehman Hutton. Nel 1993 sotto la guida dellad Harvey Golub American Express avvia la dismissione delle proprie divisioni bancarie e nel 1994 Lehman Brothers Kuhn Loeb viene scorporata con il nome di Lehman Brothers Holdings. Nel 2003 la societ rientr nel settore dellasset management, lasciato nel 1989 e fu una delle dieci compagnie che, su segnalazione della Securities and Exchange Commission, dovette pagare una sanzione (80 milioni di dollari) per una indebita influenza esercitata nei confronti degli analisti che si occupano dellattivit di ricerca nellinvestment banking.
ARRIVA LA CRISI DEI SUBPRIME. Nel 2007 il primo faccia a faccia della societ con la crisi dei mutui subprime: Lehman chiude la sua banca dedicata ai prestiti subprime, Bnc Mortgage, tagliando 1.200 posti di lavoro e registrando una perdita di 25 milioni di dollari. Nel 2008 Lehman duramente colpita dalla crisi dei mutui subprime: nellarco di un anno le sue azioni sono crollate del 97% passando da 77 a meno di 4 dollari ad azione. Nel secondo trimestre di questanno la societ ha annunciato una perdita di 2,8 miliardi di dollari a cui seguita quella da 4 miliardi di dollari per il terzo trimestre.

Comments

You must be logged in to post a comment.