ottobre 25, 2008

Alluvione Capoterra: più di 2000 persone senza casa- Nuovo all’erta meteo: in arrivo altri temporai.Ridicola la somma stanziata . Chi ha perso tutto compresa la casa ha diritto di essere risarcito. Chi ha consentito che si costruisse nel letto e negli argini di torrenti e ruscelli dovrebbe essere indagato per concorso in disastro colposo

By admin
Topics:
Cronaca

Protezione civile resta a Capoterra, il Comune piu’ colpito
Nuova ondata di maltempo in arrivo sulla Sardegna, appena colpita da un nubifragio che ha provocato danni ingenti e vittime nel cagliaritano. La Protezione Civile ha emesso un’allerta meteo valida dal pomeriggio di oggi e per le successive 18-24 ore: gli esperti si attendono piogge e temporali che localmente saranno anche di forte intensita’ e saranno accompagnati da raffiche di vento e fulmini. Un team di tecnici restera’ a Capoterra, il comune maggiormente colpito nei giorni scorsi.


Commento

Questo è ancora il tempo per piangere i morti e cercare di alleviare le sofferenze di chi non ha più un tetto sotto cui vivere ed in qualche caso ha perso tutto quello che aveva. Alla disperazione, dopo il nuovo all’erta meteo, si è aggiunta la paura che possa tornare l’onda devastatrice di acqua e fango.
In tutta la zona si sta crercando di ripristinare la corrente elettrica e provvedendo, con le autobotti, a riempire le cisterne delle case, di acqua potabile.e

Quando finalmente tornerà a splendere il sole, non bisognerà dimenticare che i responsabili di questo disastro sono facilmente indivividuabili . Sono i tecnici comunali, provinciali e regionali, che hanno autorizzato , con tanto di firma, la costruzione di edifici e additritura di una discoteca, nel letto di un fiume e ditorrenti e ruscelli creando le condizioni perchè si verificassero i disastri che stiamo vedendo oggi, ma che ci sono stati anche in passato.

Per costoro si deve ipotizzare il reato di concorso in disatro colposo. Ma andrebbero anche perseguiti i responsabili del governo delle acque ( in passato i consorzi di bonifica oggi diventati abba noa) che hanno, tra l’altro, il compito di tenere puliti i canali di scolo.

Ma la responsabilità potrebbe essere attribuita anche ai sindaci, ai presidenti di provincia e della regione, che non hanno provveduto , attraverso gli assessori di turno a fare gli interventi necessari per il riequilibrio e la salvaguardia dell’assetto idro geologico dei territori .

Lo stato e la regione hanno il dovere di risarcire i danni a chi li ha subiti. Fino ad ora sono stati stanziati complessivamente 15 milioni di Euro: Il Consiglio regionale ha preannunciato la predisposizione di un una legge per erogare altri 20 milioni di Euro ed arrivare ad un totale di 35 milioni . Sono pochi spiccioli che possono servire per affrontare l’emergenza.

Lo stanziamento dovrà essere ben diverso perchè chi ha perso la casa e tutto quello che aveva, non ha nessuna responsabilità per quanto gli è accaduto ed ha diritto ad essere risarcito per l’intero danno. Nel 1999, dopo l’alluvione    che coinvolse sopratutto  Assemini, Uta   e Capoterra, il Consiglio regionale approvò una legge   che metteva a disposizione 240 miliardi .

Occorrerà fare un censimento serio dei danni, e sulla base del risultato dovrà essere  predisposta  la somma da inserire in legge.  Naturalmente, tutto questo dovrà essere fatto in tempi brevissimi.

Cesare Corda

4 Responses to “Alluvione Capoterra: più di 2000 persone senza casa- Nuovo all’erta meteo: in arrivo altri temporai.Ridicola la somma stanziata . Chi ha perso tutto compresa la casa ha diritto di essere risarcito. Chi ha consentito che si costruisse nel letto e negli argini di torrenti e ruscelli dovrebbe essere indagato per concorso in disastro colposo”

You must be logged in to view comments.

Comments

You must be logged in to post a comment.