febbraio 26, 2007

Cagliari: licenziato Colomba Cellino richiama Gaianpaolo.Stessa danza anche a Torino dove Zaccheroni deve ridare il posto a De Biasi

By admin
Topics:
Senza categoria

Nel commento di ieri avevamo scritto: chiss che Cellino da Miami non ci faccia una sorpresa. Ma conoscendolo, nessuno si meravigliato: il Presidente del Cagliari ha fatto in fretta la cosa che sa fare meglio: cacciare gli allenatori.

Ha richiamato Gianpaolo chenove settimane fa era stato a sua volta esonerato e sostituito proprio da Colomba ,che ora gli rende la pariglia. Colomba ha appreso la notizia nel centro Ercole Cellino di Assemini ,mentre dirigeva un allenamento defaticante . Superati i problemi dell’orgoglio, dell’amor proprio, che avrebbero potuto indurre Gianpaoloa fare qualche rimostranza della serie, Presidente , prima mi cacciper sostituirmi con Colomba ed ora cacci via anche lui e mi richiami ? ma per quanto tempo ? Non che se scendi dal letto con il piede sbagliato, mi ridai lo sfratto ? Ma Gianpaolo queste cose forse le ha pensate, ma non le ha dette.

Il lavoro ed i piccioli, giustamente, innanzi tutto. Ma poi, se c’ uno che ha sbagliato il Presidente : per ben due volte tornato sui suoi passi certificando di aver commesso almeno quattro errori, salvo aspettare l’esito della nuova “missione” del giovane mister. Comunque, c’ un aspetto positivo. Gianpaolo conosce bene la squadra eSuazo e compagni devono solo rispolverare il tacquino degli appunti per ripassare gli schemi.

Tra due giorni andremo a Torino sulla cuipanchina stata vissuta la stessa telenovela :Zaccheroni dovr lasciare il posto all’ex De Biasi che lui aveva rimpiazzato.Certo , alla squadra serviva un segnale forte, ma i problemi del Cagliari sono legatiad un organico carente. A gennaiosi aspettavano rinforzi che non sono arrivati. Mancano un trequartista di qualit, una punta centrale ed un contrista . Lo abbiamo scritto fino alla noia.

Ai limiti tecnici per siu ,potrebbe , almeno in parte, sopperire, conla grinta, la caparbiet e la voglia di combattere con il coltello tra i denti contro qualunque avversario. Siamo a tre punti dal girone dei “morituri” e non possiamo fare altri passi falsi. Gambe in spalla, correre , soffrire e combattere. Questa la ricetta peruscire dalla crisi.

Cesare Corda

Comments

You must be logged in to post a comment.